martedì 30 settembre 2008

Pensieri del martedì mattina


Il brutto del freddo è che grazie al freddo stanotte lho passata in bianco con conseguenze nocive per il mio intestino e stamattina sono corsa in ufficio ad affidare le 2 incombenze urgenti da fare, smaltire le 3 cose che potevo fare solo io, poi sono rientrata a casa, thè caldo e limone e ora gironzolo per casa incapace pue di mettermi a letto...


Il bello del freddo è che finalmente ho una scusa per poter accendere candele per casa e profumare un po lambiente senza pensare che pue la fiamma di una candela sprigiona calore e ce ne sia già abbastanza nellaria come mi capita in estate!


Ed ora un pensiero esistal-felino: ma perchè i miei gatti sono tornati nella stanza degli ospiti solamente oggi dopo che li ho invitati a salire sul letto e gli ho fatto 4 coccole veloci? solo perchè ad agosto la stanza è stata abitata da ben 2 umane nel giro di una settimana? o perchè una di queste è una sforacchiatrice e non è carino secondo loro che ad una sforacchiatrice, benchè anche ottima coccolatrice, sia data ospitalità sotto al nostro tetto? e proprio il giorno in cui li ha sforacchiati? che sia questo??? ma quasi 2 mesi di permalosità??? gatti... (la Birba al momento ci sta dormendo!! è tornata ad essere la sua stanza!)


venerdì 26 settembre 2008

Pensieri a freddo


Quando sono sotto stress MORDO!


Come lo capisco? Certamente non quando sono sotto stress...


Ma quando sono tranquilla e rilassata e ricevo una chiamata interna da una collega piena di "Scusa, sai, ma... scusa se ti chiedo... grazie grazie e scusa ancora..."... deduco che evidentemente a volte non sono così cortese e che devo averla morsicata in passato


martedì 23 settembre 2008

Visto che oggi si parla della famiglia... sms tra fratelli:


"sorella domani cè la cena alla Casa delle Aie e il babbo ha prenotato per 4, ma io sono solo. ti va di venire?"


"fratello va bene"


il tutto mentre ero allaltro celllulare con laltro fratello, quello che sento rarissimamente (non chiama lui e non chiamo io... insomma, è reciproco): 20 minuti di telefonata! si è parlato di lavoro, di famiglia, di SETTIMANA BIANCA (dovevamo commentare, no?), di matrimoni... insomma, non solo di lavoro...


E la giornata della famiglia? Non che di solito non sia presente, però, cavoli!


Punti di vista


Successe attorno al 10-12 agosto, dialogo tra mio padre e me:


"Sono arrabbiato con tuo fratello perchè non mi ascolta quando parlo di organizzare la settimana bianca della Befana!"


"Babbo, scusa... non è un po presto???"


"NO CHE NON E PRESTO!!! Lanno scorso ad ottobre avevamo prenotato!"


"Appunto! non è neanche Ferragosto... fa un caldo boia... non siamo ancora andati in ferie per lestate!"


Ovviamente il dialogo è stato sintetizzato... vi assicuro che la discussione è andata avanti per un discreto numero di minuti e non sono riuscita a convincerlo del fatto che ad agosto è dura pensare e pianificare ciò che potrai-vorrai fare a gennaio!


E accaduto 10 minuti fa:


"Babbo, se devi buttare via il catalogo dei biglietti di auguri del WWF dallo a me che sono curiosa, grazie"


"A me lidea di pensare al Natale ora fa venire i brividi! E troppo presto!!"


"Scusa, ma tu un mese e mezzo fa non stavi pianificando la settimana bianca da fare alla Befana? E ti sembrava tardi??"


"Ah, giusto! Ieri ho mandato un sms a tuo fratello e lui non mi ha ancora risposto!!! Devo prenotare entro oggi! Adesso chiamo tuo fratello, laltro fratello, sua moglie..."


Vi avviso: Natale è lontano, ma io ho già la settimana bianca prenotata dal 6 al 12 gennaio 2009!


Ho provato a dire "non vengo", ma sembra non esistere lopzione: questanno è stata inaugurata la nuova tradizione "tutti insieme in montagna" e lanno prossimo la si deve mantenere...


E bisogna che mi faccia un appunto mentale per luglio 2009: aspettarsi domanda su quando fare la settimana bianca del 2010... mi sa che mentre saremo in montagna a gennaio proporrò a mio padre di prenotare già per lanno dopo... magari mi risparmio un po di spiegazioni "babbo, è troppo presto... non stressarci"


Ogni favola è un gioco


Premesso che il freddo a metà giornata mi ha lasciata e piano piano ho cominciato a sentirmi di nuovo normale e a riprendere contatto con le mie estremità...


Stasera sono andata a vedere un musical realizzato da una scuola di recitazione, canto e ballo della mia città. E stata una cosa allultimo minuto: in pratica mio padre è stato felicissimo di mandarci me e unamica al posto suo e di mia madre (che peraltro ha la tosse e si vergognava ad andare a teatro a disturbare)... perchè mio padre ODIA i musicals.


La rappresentazione è stata molto bella ed emozionante: il titolo era "...da un carcere femminile", argomento alquanto pesante, insomma. Lopera è stata montata con musiche tratte da musicals e canzoni varie ed è stata interpretata dalle ragazze della scuola, avranno avuto dai 7 anni in su...


Bravissime tutte, dalle più piccine alle più grandi che già stanno pensando a scuole di recitazione avanzata...


E come ogni volta che torno da una rappresentazione musicale, in testa mi risuonano le canzoni che meglio conosco e che già amavo...


Tra tutte, una in particolare tratta a A Chorus Line (Everything was beautiful at the Ballet) e poi questa (cantata da una bimba davvero piccina, in una tonalità non sua, facendo fatica e spesso parlandola, come poi fa anche Bennato: bravissima nonostante la difficoltà):


Ogni favola è un gioco
che si fa con il tempo
ed è vera soltanto a metà
la puoi vivere tutta
in un solo momento
è una favola è non è realtà.


Ogni favola è un gioco
che finisce se senti
tutti vissero felici e contenti
forse esiste da sempre
non importa letà
perché è vera soltanto a metà!...


Ogni favola è un gioco
è una storia inventata
ed è vera soltanto a metà
e fa il giro del mondo
e chissà dove è nata
è una favola, e non è realtà.


Ogni favola è un gioco
se ti fermi a giocare
dopo un po lasciala andare
non la puoi ritrovare
in nessuna città
perché è vera soltanto a metà!...
Universi sconosciuti,
anni luce da esplorare,
astronavi della mente,
verso altre verità!


Ogni favola è un gioco
che si fa con il tempo
ed è vera soltanto a metà
la puoi vivere tutta
in un solo momento
è una favola e non è realtà!


Ogni favola è un gioco
se ti fermi a giocare
dopo un po lasciala andare
non la puoi ritrovare
in nessuna città
perché è vera soltanto a metà!...
 


lunedì 22 settembre 2008

Ho freddo!


Sapete quando si sente freddo, no? La stagione è peggiorata allimprovviso e così si va negli armadi a cercare la manica lunga, il calzino e via dicendo...


Ma io da sabato non ho quel freddo lì e basta... ho uno di quei freddi che non riesco a debellare: piedi ghiacciati, mani gelide... per quanti calzini possa mettere, per quanto possa cercare di scaldarmi, niente da fare!


Ieri ho pure aggiunto una coperta in più nel letto: più o meno ho lo stesso numero di coperte che ho quando fuori gela e tira la bora... in più entrambi i gatti mi si sono stampati addosso... eppure avevo comunque freddo...


Oggi in ufficio ho le finestre chiuse, la giacca addosso, i calzini più pesantini ai piedi... niente... ho freddo!


Adesso vado a farmi una tisana calda... scommetto che le mani mi si ustioneranno, poi torneranno fredde...


Mi passerà presto o tardi, no?


giovedì 18 settembre 2008

Ohssissì!


Oggi al rientro nella pausa pranzo ho incontrato il cugino e mi ha consegnato questa cosa qui che vado ad illustrarvi (per leggere bene è il caso di cliccare sulle foto...)


Lato esterno:



Lato interno:



E le spiegazioni sono rapide: le frase dei cartoni animati sono le reazioni avute da parte di amici e parenti allannuncio di tale avvenimento... linterno del biglietto non ha bisogno di spiegazioni, vero?


Sono felice come non mai per loro e mi fa sorridere vedere Andrea tutto rilassato e contento, mentre Delia è un po impanicata per il pochissimo tempo a disposizione. Conosco poco Delia, quindi non so se è una che si fa prendere dagli avvenimenti... che poi tutto sommato farsi prendere dal proprio matrimonio è il minimo, no? Mentre la reazione tranquilla e felice di Andrea è proprio nel suo carattere. Poche volte lho visto agitato e quando lo è... aiuto!


E una partecipazione davvero deliziosa!! E io sto ancora cercando lidea carina per un regalo personale...


mercoledì 17 settembre 2008

Misteri informatici


Durante le ferie il mio portatile si è impigrito oltre misura... a parte una litigata con la pccard per il collegamento internet (mai fidarsi quando ti dicono: lo colleghi al pc e fa tutto lui! come minimo ci perdi 3 ore e se avessi avuto un qualche file di installazione avresti fatto prima, ma mooolto prima), conclusasi con il collegamento internet instaurato anche dalla montagna, dicevo... a parte questo non ho installato niente di nuovo sul mio pc.


Luso è stato normalissimo come tutti i giorni, eppure il signore aveva deciso che per spegnersi ci volevano qualcosa come 5 minuti dorologio per proporre le alternative (disconnetti/spegni/riavvia) e almeno 10 minuti per concludere i lavori e far diventare nero lo schermo e spegnere tutte le lucine del caso...


Perchè? boh... tornata a casa ho disinstallato la pccard perchè allimprovviso non piaceva più la connessione wireless e dopo 4 accidenti, 4 accendi e spegni e un riavvio del router (anche a lui le ferie si vede che avevano fatto male), la connessione wireless è stata ripristinata. La pccard è dimenticata fino alle prossime ferie (immagino mi aspetteranno altre 3 ore di accidenti per reinstallarla, ma almeno lo so).


La pigrizia però non se ne è andata.... così a tempo perso ho spostato tutti i files più ingombranti dallarchivio del pc al disco esterno... non cera tanta roba, ma non si sa mai... ho fatto un po di defrag per vedere se essere coccolato gli faceva piacere... ma il tempo non era molto, per cui oltre a queste cose non sono andata...


Lunedì lo dimentico acceso dalla mattina fino alla sera solo soletto sul tavolo in cucina. La cosa deve averlo impermalosito non poco perchè al mio rientro dal lavoro lantivirus era là che urlava NON CE PROTEZIONE ANTIVIRUS ATTIVATA!!! IL COMPUTER POTREBBE ESSERE ESPOSTO ALLATTACCO DI VIRUS.


Va bene, caro mio, apri lantivirus, vai nella pagina delle impostazioni, digli ATTIVA LA PROTEZIONE, applica, chiudi... NIENTE!


Rifai... rifai... comincio a tirare giù un po di accidenti a Mr. Norton... vai nelle pagine dellassistenza, stampa le spiegazioni superdettagliatepassoapassoperdeficienti... fai passo a passo le superdettagliateistruzioni... NIENTE!!!


Ok, caro pc! Io ora non ho tempo, ti tengo così, tanto non devo girare chissà dove e poi vedremo domani cosa mi dici.


Martedì il pc è ancora incavolato nero... solita mancata protezione antivirus, solito tempo biblico per lo spegnimento... ma io non ho tempo.


Oggi, mercoledì, a pranzo accendo il pc per guardare la posta...


Beh? La protezione antivirus è attivata? Wow!


Finito il caffè, prima di andare via spengo il pc: 1 nanosecondo e si spegne subito! WOW!


Dite che ha capito che le ferie sono finite da una settimana? E forse gli è passato il nervoso???


No, perchè, non avendo fatto un cavolo di niente, vorrei capire come mai tutto è andato a posto... così, per curiosità...


Ora però vuole a tutti i costi che gli installi il Service Pack 3... ma non ho ancora capito se è una cosa utile o no... solo che temo la permalosità del mezzo... se tergiverso troppo magari si incavola di nuovo!!! Peggio dei gatti di casa!


lunedì 15 settembre 2008

Pensieri del lunedì mattina


Oggi è un giorno di rientri dalle vacanze. Più che altro è un incontrare gente che è rientrata già da un po, ma che ancora non avevo incrociato.


In due ore e mezza di lavoro ho ricevuto la visita di mio zio e del marito di mia cugina, per lavoro ovviamente, ma è scappata anche una battuta sulle rispettive ferie.


Eravamo tutti in montagna, chi in Trentino, chi in Alto Adige e tutti abbiamo avuto un tempo splendido, caldo, non rovinato dalla pioggia...


Eppure...


Eppure nello stesso periodo anche mio fratello e sua moglie erano in vacanza in zona (contemporaneamente a me), a pochi chilometri da dove eravamo mia madre ed io. E loro, ah, loro hanno avuto pioggia e freddo tutto il tempo.


In pratica geograficamente, nellarco di pochi chilometri ceravamo mio zio, mio fratello ed io: e il tempo è stato bello, brutto, bello...


Comincio a chiedermi se hanno la nuvoletta fantozziana sulla testa o se non sono mai soddisfatti...


venerdì 12 settembre 2008

Le brutte notizie


Non so i gattomaniaci che girano di qui cosa pensano, ma io, da umana di 3+3 felini di cui 3 abituati a vagare fuori dei confini casalinghi, se accadesse qualcosa ad uno dei miei gatti vorrei saperlo.


Prima di andare in ferie un bel micione che gironzolava sempre per il giardino dellufficio è morto proprio qui da noi: unauto lo ha colpito in strada e lui è riuscito a fare 4 passi dentro il giardino, poi si è accasciato. Non abbiamo potuto far niente, era morto allistante. Però il problema con i gatti è che conosci loro, ma non sai chi sono i proprietari, così non abbiamo potuto fare niente.


Oggi, primo giorno di rientro dalle ferie, trovo tutti i pali della luce della strada ricoperti con un messaggio "Melampo è scomparso da più di 10 giorni, se lo trovate ci fate sapere qualcosa" con tanto di foto.


E proprio lui. Ecco. Ora mi tocca fare la messaggera di brutte notizie. Stacco uno dei fogli e lo porto in ufficio.


E qui qualcuna delle colleghe comincia a dire "non fare niente, almeno non li fai intristire". Eh no! Io vorrei essere informata: sperare in un ritorno o pensare chissà cosa è peggio. Meglio una triste certezza.


E lo dico da umana che ha passato 9 giorni al pensiero di "cosa sarà capitato al gatto Morgan" dopo la sua prima fuga di casa. E quando è rientrato magro scheletrico lo avrei preso a schiaffi per i patemi che mi aveva procurato: per fortuna ci pensò il gatto Merlino a cazziarlo a dovere. Tanto bene che mia madre ed io siamo ancora stupite per il discorso "miaoumiaomiaomiaomiao!" che gli ha fatto davanti a noi.


E tutte le volte che sparisce mi chiedo proprio "e se fosse morto? come farei a saperlo?".


Così ho preso nel telefono e ho chiamato. La signora era dispiaciuta, ma ha gradito la chiamata. Però che fatica fare una chiamata così...


giovedì 11 settembre 2008


Introrto ai giorni nostri


Mi spiace, ma non ci sono più gli intortatori di una volta!


Questa sera in pista mentre la mia amica ed io balliamo si avvicina uno (la mia amica è una che fa molto colpo, ma questo è lunico che ha avuto il coraggio di avvicinarsi invece di rimanere a distanza e osservare e basta. almeno questo glielo devo), prima prende la mano della mia amica:


- Io sono Roberto ciao


- Io sono Maria Grazia


E via di baciamano... poi viene da me...


- Ciao - e mi prende la mano e parte il baciamano (che sinceramente è una slurpata di mano: il vero baciamano nemmeno deve sfiorare la mano con le labbra... gnorante!)


- Ciao, sono Maria Elena


- Eccheccacchio! Maria Grazia! Maria Elena! E che siete suore????


e se ne va... a un metro di distanza e rimane lì a fingere di ballare su un piede mentre laltro rimane fisso incollato alla pista...


No, davvero! Non ci sono più gli intortatori di una volta... ora bastano i propri nomi a far allontanare e desistere gli uomini?


giovedì 4 settembre 2008

Saluti da Stilfes


In questi giorni di ferie ho postato foto ovnque tranne che qui. E visto che mi sono connessa per motivi lavorativi, ecco una foterella che non ho messo ancora da nessuna parte: è il paese dove sono adesso.