sabato 6 febbraio 2016

10 anni fa...

10 anni fa, qualche giorno fa... moriva Maria...

era un'amica che ho conosciuto qui sul web, ai tempi in cui ancora non esisteva Facebook ed era Yahoo il grande "socializzatore"... anche lei l'ho conosciuta per "colpa" del punto croce.

attraverso il messenger di yahoo si è partite parlando di punto croce e come con tante altre, si è scoperto che i punti in comune erano ben più di uno, tra cui una buona intesa e il pensarla allo stesso modo per tante cose.

così decidemmo di far uscire l'amicizia dalla virtualità e renderla reale e ci siamo incontrate, confermando ancora di più il rapporto.

penso sia naturale, quando possibile, che se ci si trova bene online, si desideri conoscersi dal vivo. ottime amicizie sono nate in questo modo.

e fu così anche con Maria... ma... lei non stava benissimo... eppure aveva paura ad andare dal medico. la convincemmo io ed altri amici, esortandola a farsi ricoverare per fare un check in completo e curare ciò che sarebbe eventualmente emerso.

aveva deciso di farsi ricoverare nell'ospedale della città dove abitava la sorella, ma ...come in un pessimo romanzo televisivo... stava per andare al treno per raggiungere la sorella, quando si è sentita male e il taxista l'ha invece portata in ospedale e... neanche 24 ore e niente più Maria.

per me fu uno shock, aveva 8 anni più di me e in lei vedevo molto la me stessa del futuro... per tante ragioni che - essendo non solamente mie - non scriverò qui. sarà ormai in un luogo dove queste cose non sono più importanti, ma voglio comunque proteggere la sua privacy.

tra le tante cose di lei che mi "svelavano" il mio futuro, c'era la paura di andare dal medico... l'avevo pure io ai tempi. andare dal medico e sentirsi dire "devi dimagrire"... eh che non lo so da sola???
se ci riuscissi lo avrei già fatto, no?

questa tanti anni fa era la stessa paura di mia madre. forse ancora oggi lei ha questo timore...

e pure io ce l'ho in parte ancora... ma già da tempo ho imparato - almeno quello - di fregarmene quanto basta per frequentare i medici quando serve. e per fortuna, visto ciò che sto vivendo!

ogni anno, ai primi di febbraio penso a lei... mi manca! mi manca il fatto di non aver potuto scoprire se sarebbe stata una grande amicizia o no.
mi manca il fatto di non essere riuscita ad aiutarla per tempo, per quanto nelle mie capacità, ovviamente.
mi mancano le stupidaggini che dicevamo insieme chattando fino a tarda sera la notte.

forse, no, togliamo pure il "forse", lei è la prima amica che ho perso in modo irreversibile, con la morte. e forse sarà anche per questo che mi manca così tanto?

Maria, ovunque tu sia, penso saresti felice di sapere che sto scrivendo questo post con una gatta tra le braccia... si, qui i felini continuano a predominare in numero rispetto all'umana...

un saluto da quaggiù. non offenderti, ma spero di raggiungerti il più tardi possibile, sono ancora molto legata a quest'avventura terrena, al punto da farmi diventare simpatici i medici e gli ospedali...

non vedo più in te il mio futuro... e per il meglio: ho imparato un paio di cose forse anche dalla tua tragica esperienza.

e da lassù o ovunque tu sia, ogni tanto guarda quaggiù, a noi manchi!

Nessun commento:

Posta un commento