martedì 9 ottobre 2007

Rimedi... e misteri cosmici


Se è vero che qualche giorno fa ho pianto una notte per solitudine...


Negli ultimi giorni si intensificano i contatti fortuiti con potenziali nuove amicizie.


Cioè?


Mi contatta una blogger ravennate per uno scambio di link: non credo che potremmo diventare amiche, perchè leggendo il suo blog ho notato profonde differenze con me, ma intanto è una della mia zona e quindi tutto sommato mi fa piacere, anche solo per il desiderio di unire, ravvicinare blogs per vicinanza geografica.


Mi contatta per un potenziale acquisto una signora che abita qui vicinissimo. Lacquisto non si fa, ma abbiamo cominciato a scriverci con una intensità incredibile e tutto sommato ci troviamo simpatiche quanto basta per continuare a raccontarci la nostra vita e i nostri hobbies... e sicuramente ci incontreremo.


Continua la mia amicizia via web con la signora forlivese che mi ha conosciuto tramite il mio blog, ma che non è brava con le tecniche dei blog e dei commenti e mi replica piacevolmente in privato.


Mi contatta unaltra ravennate su Anobii, così giusto per un saluto e... potrebbe finire che semplicemente dopo uno scambio di "buon week-end" e "buona settimana" ci si possa pure incontrare alla Notte dOro di sabato prossimo (eh, si, a Ravenna le notti non saranno bianche, ma doro come i mosaici...)...


Mi chiama dopo un sacco di tempo la mia ex collega: forse per affari, ma si tornerà in contatto quasi sicuramente...


Mi viene proposta una settimana bianca con i miei genitori e i loro amici e si trasforma in una vacanza con fratelli, cognata e tutti... una cosa che non capitava almeno da quando avevo 12 anni.


E se non sono dura dorecchi... forse devo capire e accettare il non piccolo dettaglio che non sono sola.


E imparare a non temere la solitudine, semplicemente perchè la solitudine è qualcosa che ci creiamo noi quando ci isoliamo dagli altri. E lunico modo per sconfiggerla è ricordarsi di non essere soli...


Ovviamente è facile quando si è in un momento "si"... più dura se si è in un momento "no".


Ma sono fiduciosa... posso sinceramente dire che negli ultimi anni i momenti no sono diventati rari, non assenti, ma rari.


Nessun commento:

Posta un commento