giovedì 6 novembre 2008

Le notizie dal quotidiano


Io non sono una lettrice assidua di quotidiani. Non li compro, non li cerco al bar, nemmeno qui in ufficio dove, volendo, ogni giorno ci sarebbe il quotidiano sia locale, che nazionale. E pure quello tecnico.


Eppure ogni tanto il naso lo caccio in un quotidiano. Oppure mi soffermo sulla prima pagina.


La cosa che mi colpisce è come a volte io legga il giornale proprio il giorno in cui cè la notizia che può interessarmi. Di solito brutta. Come la morte di qualcuno...


Oggi è uno di quei giorni. Ho appena buttato locchio sul quotidiano e mentre leggevo il titolo di un brutto fatto di cronaca di ieri (di cui ero ampliamente informata grazie alla TV), lo sguardo viene preso dal titolo giusto a sinistra di questo: "E morto Crichton".


MORTO?? Maddai? Non era mica poi vecchio!  E così apro il giornale e scopro che in effetti aveva 66 anni, ma era malato di cancro...


Mi mancherà, nel senso che ho sempre adorato leggere i suoi libri: ha - no, aveva - la capacità di partire dalla realtà più normale della vita moderna e sviluppare unipotesi fantastica (di regola fantascientifica, visto che lui aveva 2 lauree scientifiche) in un modo talmente naturale da cominciare davvero a farti sentire la pelle doca perchè ciò che stai leggendo sarà si finzione, ma cavoli! potrebbe diventare realtà domani.


Aveva anche il pregio di mettere il dito sempre nella piaga: individuava difetti legali nel trattamento di questioni scientifiche, i rischi di ciò che può accadere se si lascia la scienza in mano a chi non ha scrupoli, i problemi del sistema sanitario americano... insomma... i suoi libri saranno stati libri definibili "fanta-thriller" o in un modo simile sempre molto accattivante, ma avevano anche lo scopo di attirare lattenzione sulla realtà e sui difetti presenti nel nostro mondo moderno.


Quando uno scrittore che apprezzo molto muore, in me sorge un pensiero molto egoistico: non avrò più nuovi libri da parte sua! Si, perchè non è che mi sia affezionata ad una persona che non conosco... è che sono affezionata allidea di poter leggere i suoi libri...


Nessun commento:

Posta un commento