giovedì 15 gennaio 2009

Piove, no?


Mi sembra di avere la nuvoletta di fantozziana memoria sulla testa... Mentre prosegue la Morgan-novela... si aggiungono s-fortunelle alle s-fortune! UFFA


Allora...


Ieri Morgan è stato ricucito e il veterinario me lo ha riportato a casa con tanto di collare stile "corolla" che spunta dal collo felino. La bestia era bella abbacchiata, ma aveva già dimostrato al veterinario che il collare è toglibile e così gli è stato messo un secondo collare ben corredato di cerotto telato sulle giunture dove il gatto potrebbe fare leva per toglierselo di nuovo. Chiaramente durante il trasporto aveva già tolto parte del cerotto che penzolava attaccato saldamente a 2 unghie della zampa destra...


Secondo il vet il gatto dovrebbe adeguarsi (non ci credo) brevemente e farsi curare senza problemi perchè con il collare non può ferirmi (non credo neanche a questo).


Durante la serata la bestia è stata tranquilla, così io mi sono cullata allidea di poter passare una notte di sonno tranquilla dopo 2 notti insonni per causa sua... Oltretutto gli altri 2 felini hanno chiesto di passare la notte fuori, quindi le premesse per la tranquillità notturna erano ottimistiche.


BALLE! Appena ho spento la luce, la bestia semisedata e collarizzata si è svegliata... Ha cominciato a vagare per casa sbattendo ovunque facendo un casino impossibile...


Beh, posso chiuderlo in gabbia, così magari non si fa male. SIIIIIII Dopo 10 minuti di silenzio nervoso ha cominciato a fare un rumore noiosissimo nel doppio tentativo di fuggire dalla gabbia e togliersi il collare.


Ok, fuori dalla gabbia, ma chiuso in cucina: lì hai tutto quel che ti serve tra cibo, acqua, sabbietta e luoghi per dormire a varie altezze... Peccato che la porta della mia cucina non si chiuda veramente... dopo un paio di ore Morgan nonostante il collare riesce a spalancare la porta e io mi sveglio dal rumore impossibile di un gatto che scava nella porta di casa e nello scavare sbattacchia il collare di plastica....


Alla fine della storia... verso le 5 e mezza di mattina abbiamo raggiunto un compromesso: ci siamo addormentati con la luce dellabat-jour accesa (e io di solito NON riesco a dormire con le luci accese), io nel letto, lui pure, appoggiato alla mia caviglia (e NON vi sto a raccontare come stia la mia caviglia stamattina: ovviamente ha scelto la mia caviglia peggiore, perchè stare su quella ceh non dà noie?).


Ma alle 6 e mezza io ero già sveglia vista la posizione non comoda... ho comunque atteso la sveglia, più per esasperazione che per la speranza di dormirmi altri 20 minuti...


Appena mi alzo, scende anche lui... e comincia il suo vagare agitato per casa in un crescendo di nervosismo felino...


Io vado in bagno... sono lì che... penso... e... beh, perchè il termo è spento? EVVAIIII LA CALDAIA NON SCALDA CASA!!! Per fortuna lacqua per la doccia invece è calda e almeno posso posticipare il problema di 10 minuti dopo aver goduto del ristoro doccioso.


Il caldaista sarà da me per le 2 di questo pomeriggio...


Sono tranquilla perchè ho la manutenzione pagata... almeno questo! Perchè mi stanno sorgendo un po di nervi economicamente parlando... il veterinario è stato bravissimo e gentilissimo: mi ha curato Morgan, vaccinato Birba, fatto una prescrizione per Merlino, è venuto e andato da casa mia facendomi pure da corriere... il tutto per 140 euro... Solo che neanche 3 giorni fa ero felice di aver riportato a casa dalle ferie 150 euro e il vedermeli volare via dal portafogli per imprevisti veterinari proprio non mi va giù! Se poi ci aggiungo i 30 euro di medicine sempre per i felini che ho pagato stamattina con il Bancomat... Il mio risparmio delle ferie è in passivo... sigh!!!


A questo punto è giovedì... spero che la settimana finisca presto e bene (cè ancora lincognita di quanto mi costerà aggiustare la gattaiola...) e che la prossima sia una settimana diversa in positivo!


E per fortuna che fuori piove, così almeno non mi sento beffata da un cielo sereno quando io giro con la nuvola della sfortuna ben ancorata sulle mie spalle!!


1 commento: