domenica 12 luglio 2009

Birdwatching


Dal balcone di casa si possono osservare un sacco di attività, soprattutto degli uccellini della zona. Il balcone dà sulla ferrovia, ci sono diversi giardini e il fosso della ferrovia è bello incolto, quindi per gli uccelli è un gran bel posto.


Giorni fa ho notato come il merlo difendesse unarea di almeno 20 metri di raggio dove la sua "bella" è in cova. Qualche giorno prima avevo visto dove era più o meno il nido perchè lui è andato ad imboccarla prima che le ultime luci del giorno scomparissero. Poi lho trovato sui fili elettrici della ferrovia a fare la guardia: sono passati due passerotti spensierati senza nessuna cattiva intenzione, ma a lui non è importato niente! Quella è zona offlimits, lì si sta lavorando per la prossima generazione!


Poi ieri invece ho finalmente dato una voce alle capinere: adoro le capinere, sono uccellini tanto carini! (foto dal sito www.oiseaux.net)


E se ne fregano altamente di te, dei gatti, di chiunque, un po come le cincie di cui poi sono parenti.


Ieri la capinerina di turno è sfrecciata tra me (sul balcone) e Birba, in giardino, mentre ci stavamo facendo uno scambio di idee tra noi due (Birba, vuoi venire su? mah, qui cè da fare, guarda quanti uccellini! mi piace stare a guardare, ci penso ancora un pochino eh?). Insomma, sfreccia e si infila in un cespuglio del giardino. E poi da lì arriva il suo verso: sembra una chiacchierata tanto è modulato. (ho inserito il link al suo verso trovato sul sito www.ebnitalia.it devo dire che dal vivo è più forte, più marcato, ma immagino sia dovuto alla registrazione)


Dopo pochi secondi spunta fuori con il becco pieno (il cespuglio è un po infestato da afidi e insetti) e si fionda nel cespuglio di alloro nel giardino di mia zia (a pochi metri dal nido della signora Merlo, il sig. Merlo che laltro giorno rompeva tanto ieri aveva decisamente abbassato la guardia...) e di nuovo il canto spunta da lì.


Birba ed io abbiamo osservato tutto con attenzione... considerato il musetto di Birba direi che lattenzione era puramente scientifica da parte di entrambe (lo stomaco pieno non ispira gli istinti felini).


Lavrò sentito mille volte, ovvio, ma non sapevo fosse la capinera. Ora è strano, mi sembra di sentirlo più vivido in mezzo agli altri cinguettii. Come si fa con i suoni conosciuti.


Finora riconoscevo il merlo, la tortora, i passerotti, ma poco di più. Adesso posso aggiungere nel mio palmares di birdwatcher fai da me anche la piccola capinera!


Anche adesso che scrivo è là fuori che chiacchiera e chiacchiera.


1 commento:

  1. Ma che bel post!

    Io adoro quando si parla di questo!!

    RispondiElimina