venerdì 29 settembre 2006

Seguito ad un pensiero sparso di stamattina


"dobbiamo venire a cambiare il contatore, diteci quando"


"si, ok. ma voi quanto ci metterete?"


"ahhhh! non meno di 3 ore!"


"quindi per quanto ci riguarda è meglio fare una mezza giornata di ferie... ok, potreste venire di venerdì pomeriggio? almeno ottimizziamo le cose... rimango solo io per le necessità più urgenti e le colleghe tutte a casa..."


"si, certo."


ore 15.30 - dopo nemmeno unora e mezza di lavori i tecnici dellEnel mi dicono:


"abbiamo finito"...


ora...


io sono qui fregata in ufficio tutta sola... ok, sopravviverò... almeno ho di nuovo la corrente elettrica... mi è pure servito per capire che cerano delle prese attaccate al gruppo di continuità che non dovevano esserlo...


mi trovo alle 16 con davanti dalle 2 alle 3 ore di lavoro (noi chiudiamo alle 19, ma per lultima ora di solito si fa turno, quindi diciamo che saranno 2 ore)...


il telefono è al sicuro (dopo un momento di panico: si era staccata lopzione "notte" e mi chiamavano in seimila...) e non dovrebbe necessitare di troppo baby sitting...


alla porta è affisso un cartello "siamo chiusi"...


io non ho voglia di lavorare, ma sono bravissima a cazzeggiare per 2 ore, quindi credo che non mi annoierò (ho sempre il punto croce... e magari attacco la radio che è meglio...)


ma...


mi rimane un dubbio...


i miei due cari tecnici dellEnel... quanto mi addebiteranno in bolletta per il cambio del contatore? unora e mezza come più o meno hanno impiegato? oppure 3 ore, anzi, magari 4... come avevano preventivato??????


evviva lefficenza!


Nessun commento:

Posta un commento