sabato 9 dicembre 2006

... Delle decorazioni natalizie

Sia premessa una cosa: IO ADORO IL NATALE!!! giusto perchè ciò che segue non faccia pensare ai lettori diversamente.

Ok, premessa fatta, ora via ai fatti.

Avevo già pensato di scrivere in merito, ma ora lo faccio sollecitata dal post di Laura GDS che mi fa capire (tra post e commenti) di essere in ottima compagnia.

Già da tempo sono in contrapposizione con lo spirito pacchiano del Natale... che porta tanta gente ad illuminare le facciate di case e negozi in modo incredibilmente... come dire... beh, "non descrivibile".

Dall'anno scorso la città è invasa da nanetti vestiti di rosso che si arrampicano per scalette di corda appesi su per ogni dove: se gli va bene ai balconi, o ai davanzali; altrimenti attaccati a grondaie, al niente, storti, impacciati... e li senti che si lamentano e con parole non esattamente dolci tirano accidenti ai loro costruttori e al fatto di essere stati definiti così "carini" dalla metà della popolazione cittadina.

L'altra metà della popolazione assiste sgomenta a tale orribile cattiveria... dovrebbero essere dichiarati "nanetti protetti", staccati dai loro scomodi appigli, portati in salvo in un luogo caldo, comodo e soprattutto "CHIUSO E NASCOSTO"!

Devo dire che al primo che vidi anni fa, pure io dissi "carino"! Al secondo, però dissi "anche qui?", al terzo... "eccheppalle!"... fate voi per gli altri 5.000 che ho avvistato...

Però devo confessare di avere un serio conflitto di interessi ad andare avanti con il mio post... perché uno degli esempi massimi di pacchianeria in materia di decorazioni natalizie è... lo studio per cui lavoro... il 50% del quale appartiene a mio padre, quindi il 50% della pacchianeria è tanto amata da lui...

Io ne odio quasi il 100% (accetterei alcune lucine... diciamo il 10% ecco! giusto per continuare ad essere una ragioniera-economista anche in questi frangenti).

Venerdì scorso è venuto il tuttofare dell'ufficio (il marito di una cugina che ci aiuta per i lavori di fatica e altri ammenicoli vari) e ha cominciato ad installare le varie luminarie natalizie del caso.

Ad una profusione di lucette, lucine e lumini vari, già da anni si è aggiunta una bella scritta fatta con un tubo lungo pieno di lucette colorate con la quale viene scritto "AUGURI" e poi il nome dello studio.

Tutto sommato, ci fermassimo qui, oramai sono abituata e pure non amando la cosa, riesco a sopportarla (ci si fa il callo)...

Solo che quest'anno si è aggiunta una nuova decorazione. Ne sono stata informata un giorno nel quale io stavo talmente male con un blocco alla schiena da non poter cogliere la portata della cosa...

Mi è stato detto da mio padre "ho comprato un Babbo Natale da mettere all'entrata".

Il mio commento "basta che non sia uno di quelli che si arrampica su per la scaletta!"

"no, no! anche se mi piacerebbe tanto: li adoro!"

"si, babbo! ma per la strada ce ne saranno già almeno una decina!"

"infatti. così ho preso questo qui (e mi indica una scatola cubica 20x20x20 cm). E gonfiabile e si illumina. La mattina lo mettiamo fuori: si gonfia da solo. Poi la sera prima di andare via lo sgonfiamo e lo tiriamo dentro che se no ce lo rubano. E alto...."

Il mio stato di salute quella sera mi ha impedito di sentire leffettiva altezza del Babbo Natale... e mi sono salvata la sanità mentale per la serata... mi rimaneva solo da drogarmi di antidolorifici per la schiena e potevo dormire beata...

Qualche giorno dopo, parlando con il marito di mia cugina (il tuttofare), lo vedo un po ... sconcertato... e arriva l'argomento Babbo Natale gonfiabile...

"ma sai quanto è alto, vero?"

"onestamente me lo ha detto, scommetto che è una pacchianata mostruosa, ma non ricordo: stavo troppo male"

"due metri e quaranta!" e alza la sua manona... Considerato che lui è alto diversi centimetri più di un metro e novanta... la sua immagine con la mano alzata era molto verossimile a ciò che mi aspettava...

OH MAMMA!

E così da quel momento ho cominciato ad immaginarmi l'ingresso del mio studio con tanto di babbone natalone gonfiabile e illuminato che mi saluta tutte le mattine e tutte le sere... e nel mio non celato subconscio, anzi, no no, nella mia mente razionalissima, si sono cominciate a figurare le migliori idee sul come farlo sparire... coltelli affilati... dimenticarlo fuori una sera (questo mi costerebbe in termini di cazziate, quindi lo escludo subito)... e via dicendo...

Giovedì il grande giorno! E STATO MONTATO!!!

L'ufficio si divide in entusiaste, disperate (di cui io faccio parte) e approfittatrici.

Le entusiaste si aggirano con un sorriso stampato sulla faccia e dichiarano "LO VOGIO ANCHE IO PER CASA MIA! DOVE LO HA COMPRATO?"

Le disperate (con me in prima linea) colgono ogni frase dei clienti con la speranza che sia vero. Ad esempio un dottore uscendo dall'ufficio mi fa "eh, ma si involerà alla prima folata!"... e io "no, no... è zavorrato con tre tiranti" (tristemente), ma lui replica "si, ma se arriva una folata di bora..." io concludo la sua frase "MAGARI!!!"

Le approfittatrici sono le migliori! Non amano il Babbone Natalone, ma hanno ben pensato di metterci davanti un bel piattino con un cartello: 50 centesimi per farvi fotografare con Babbo Natale

Chissà che non riesca a farne una foto la prossima settimana per darvi un'idea delle effettive dimensioni...

Unico aspetto positivo del pupazzone: sembra prestarsi bene come punching ball... la prossima volta che un cliente mi fa sclerare esco e me la prendo con il Babbone Natalone!!!!!!!!!!!!

4 commenti:

  1. Mi sono spataccata dal ridere! ma quando verrai qui ti farò vedere il babbo natale dei vicini che si arrampica sulla corda e che in realtà è una lanterna!

    RispondiElimina
  2. Mi immagino il tuo Babbone Natalone accanto al mio mini alberino di Natalino alto solo 25 cm! Hihihi :-)

    RispondiElimina
  3. O mio dioooo,odio quei babbi natale appesi ad ogni casa!!!

    Non ci crederai ma ho visto lo stesso babbone natalone su un balcone di una casa,io e la mia collega ci siamo guardate in modo strano e abbiamo cominciato a ridere!!!

    Ciao Amy

    RispondiElimina
  4. Tema molto attuale quello del Natale...

    Sul mio blog ci sono pareri molto discordanti e qualche imbecille mi ha pure insultato.

    Lear

    RispondiElimina