domenica 30 settembre 2007

Ritorno

Eccomi di nuovo a casa, dopo il week-end in giro con zia e mamma.

Come sempre in valigia ho messo più di quel che serviva. Le cose più utili sono state I 3 Moschettieri e limmancabile libro di Sudoku che staziona in auto stabilmente, corredato da matita, gomma, penna rossa e penna nera.

Il soggiorno è stato piacevole, il posto lo sapevo già che era incantevole. Ma è piaciuto pure alla zia, scopo di tutto il viaggio!
La zia ha russato, tenuto la luce accesa e la porta comunicante tra le due stanze aperta, così io ho dormito con la luce che se ne veniva tutta da noi, il suo russare e quello di mia madre... e come si dice "se non puoi batterli, alleati", è stato dichiarato da mia madre che anche io ho russacchiato! Sarà genetico: mamma e zia da parte di padre che russano... che posso fare io? Seguire lesempio, no?

Sono stata nuovamente promossa dalla zia per la mia guida molto tranquilla in montagna. Traduzione: ho guidato fermandomi quasi ad ogni curva, così da far in modo che lei non si accorgesse quasi che fossimo in montagna... se considerate che per lei una strada con due comode corsie, una per ogni senso di marcia, molto scorrevole e con curve da fare comodamente in terza è stata definita "stretta e tortuosa"... vi fate unidea di quanto è esigente in materia di strade la zietta... e dire che frequenta le Alpi da più di 40 anni!

Sono tornata a casa nel pomeriggio con 2 riviste per il ricamo-uncinetto, un appendi-robe in ghisa fatto di gatti, 3 zucche buffe, due marmellate fatte in casa e un sacco di progetti per futuri viaggi.

E la cosa che più mi diverte dei viaggi: una porta spalancata su tante altre future prossime possibilità. Perchè stare due giorni a Casola mi ha dato la possibilità di valutare viaggi mirati in periodi dellanno particolari, o week-end destinati a vedere questo o quel posto. Oppure una settimana per gironzolare verso il Mugello... insomma, ho aumentato la mia voglia di girare, non lontano da casa, ma di vedere, andare, fare... ed è proprio una bella sensazione!

5 commenti:

  1. bella gitarella ma come facciamo ..io non russo !!

    RispondiElimina
  2. oh, quello è un problema facilissimo da risolvere: cerottino! e lasciare a casa zia e mamma ;)

    e poi io russo solo per combattere le russate altrui...

    RispondiElimina
  3. te pensa che io due settimane fa sono passata da Palazzuolo sul senio e mi sono illuminata quando ho visto il cartello "casola valsenio"! i passi della colla faggiola e sambuca sono bellissimi. Le strade sono strette, più curate dei fangacci ma di poco meno belle. Poi ti racconto meglio ;)

    RispondiElimina
  4. il passo della Colla lo conosco benissimo perchè l'ho fatto anni fa. la Faggiola ci sono passata si striscio, ma per questa volta ho raddrizzato il passo Carnevale e non quello e con una zia che commenta ogni curva direi che è stato più che sufficiente. :D


    però i Fangacci hanno un fascino, forse quello della strada bianca, che gli altri non hanno...

    RispondiElimina
  5. ..il gatto sul comignolo m'ha fatto venire in mente una certa felina hilton che ha la stessa abitudine....e lo stesso colore di pelliccia...

    RispondiElimina