mercoledì 4 marzo 2009

Fermate il treno, scendo dopo la seconda stella a destra


Avete in mente quei giorni in cui vi sentite neri, neri, ma nerinerineri? Lumore sotto le scarpe, gli acciacchi soliti che rompono, poco sonno smaltito, il cielo grigio e umido che fa più male che bene... le grane in ufficio che si stratificano una sullaltra a rincarare le dosi dei disagi personali...


Ecco, oggi è un giorno così. Non ho voglia di fuggire dallufficio, HO PROPRIO VOGLIA DI SCENDERE DAL TRENO DELLA REALTA E ANDARMENE A ZONZO IN UN BEL PRATO PIENO DI MARGHERITE, CON IL CIELO SERENO, IL SOLE CHE SPLENDE E GLI UCCELLINI CHE CANTANO. Ci potrei pure mettere 2 caprette in sfondo, giusto per rendere la cosa più bucolica...


Proprio una cosa irrealizzabile visto il clima odierno... una vera e propria FAVOLA!


E guarda caso, da stamattina con lumore nero, la parte sognatrice del mio cervello sta elaborando una vacanza a Neuschwanstein, il mio castello dei sogni... mi sa che ogni anno in questo periodo qui, quando ho una giornata "no", il neurone dei viaggi fantastici si attrezza e tira fuori dallo schedario la carta "castello delle favole"...


Nessun commento:

Posta un commento