domenica 15 ottobre 2006

Oggi ho sentito questo e non so perchè, ma ci sto meditando molto sopra:


Pregai e mi fu elargita la prudenza
implorai e venne in me lo spirito della sapienza.
La preferii a scettri e a troni,
stimai un nulla la ricchezza a suo confronto;
non la paragonai neppure a una gemma inestimabile,
perchè tutto loro al suo confronto è un po di sabbia
e come fango sarà valutato di fronte ad essa largento.
Lamai più della salute e della bellezza,
preferii il suo possesso alla stessa luce,
perchè non tramonta lo splendore che ne promana.
Insieme con essa mi sono venuti tutti i beni;
nelle sue mani è una ricchezza incalcolabile.


Nessun commento:

Posta un commento