martedì 13 novembre 2007

Tradizionalista


Ebbene si! Per molte cose mi ritengo tradizionalista, una che preferisce la buona "vecchia maniera", rispetto ai "tempi moderni".


E quando si parla di nomi da dare ai bambini divento particolarmente arcaica! Nel senso che oramai sono quasi 40 anni che in Italia si tende volentieri a dimenticare che esistono nomi fantastici, pieni di significato e degnissimi da poter usare e si preferiscono nomi stranieri di volta in volta seguendo la moda del momento.


Mio padre racconta sempre che nel 1973 quando andò allanagrafe a registrare il nome di mio fratello fu ringraziato con un sorriso e un sospiro di sollievo dal funzionario. Mio padre lo guardò un po stranito e il signore rispose "il suo è il primo nome italiano dopo non so quanto, guardi..." e girò il registro verso mio padre il quale lesse una sfilza di Samantha, Deborah, Jonathan e compagnia bella...


Ricordo anche lepoca delle Sue Ellen (e dei Gei Ar scritti come si diceva...), delle Brenda e dei Dylan...


Ma è da ieri che ogni tanto esclamo "Oceano"!


Si, perchè lultimo nato in casa Agnelli (anzi, Elkan) è stato chiamato Oceano. Che, si, volendo sottilizzare lo si può considerare come un nome di origine divina greca, ma per tutti Oceano è semplicemente un nome di "cosa" e poche storie!


Mi spiace, ma non potrei mai chiamare mio figlio o mia figlia con un nome comune di cosa.


Io ritengo che i nomi abbiano importanza anche per il loro significato. Non che al bambino importi, ma sicuramente chiamarsi "Alessandro" che significa "protettore di uomini" è molto più interessante di chiamarsi "Mela" come mi sembra si chiami la figlia di unattice hollywoodiana...


A me ha sempre fatto un gran piacere sapere che il nome scelto da mia madre e da mio padre per me è la somma dei significati "goccia doceano" e "splendore del sole". Se mi avessero chiamata semplicemente Oceano o Sole, non sarebbe stato lo stesso!


8 commenti:

  1. Che dire... la mia opinione la sai. Ed è come la tua... :)

    RispondiElimina
  2. Io ho dovuto subire la decisione dei miei, ma a me il mio nome piace. E mi piacciono anche molti particolari.

    Brenda

    RispondiElimina
  3. @ Brenda - almeno tu non ti chiami così perchè "tua madre quei giorni era una patita di un telefilm così e cosà"... c'è una bella differenza :)

    RispondiElimina
  4. :) 'giorno! La penso esattamente anche io così. Ho subìto un nome "insolito" che ho sempre considerato scomodo, forse per riflesso ho chiamato mio figlio con un nome iper-classico e pieno di storia, Matteo, decidendo, tra l'altro, per questo nome ( che vuol dire Servo di Dio) almeno 20 anni prima di concepire un figlio . Buona Gionata, Melina

    RispondiElimina
  5. in generale la penso come te. ma d'altra parte è bello che quando la gente veda una mela pensi a te :)

    RispondiElimina
  6. Credo di essere tradizionalista come te. Non amo i nomi stranieri, a meno che il bimbo non sia di un'altra nazionalità, ovvio. E sicuramente non chiamerei mai Mela mia figlia! :-)

    RispondiElimina
  7. grazie a tutte per la comprensione hihih :) melina

    RispondiElimina
  8. Coi parenti che si ritrova, meglio Oceano che Patrizia...

    RispondiElimina