domenica 13 luglio 2008

The Chieftains


Ci sono cosa che devono andare in un certo modo e, per quanto in alcuni momenti ti sembra che non debba essere così... alla fine vanno come sapevi che dovevano andare.


Era da un sacco di tempo che avevo saputo di questo concerto: I Chieftains a Ravenna... il gruppo folk irlandese più famoso che mai che viene qui vicino! Caspita, dovevo andarci: quando mai avrei avuto la possibilità di sentirli dal vivo se non stavolta?


Però il mio amore per la musica celtica-irlandese è solo mio: non ho amici con cui condividerlo, se non occasionalmente. Con chi andare?


Un mesetto fa salta fuori che questa musica piace anche a mia cognata, beh, perchè non andarci insieme? Non facciamo mai nulla insieme, non abbiamo gusti in comune, magari è la volta che qualcosa salta fuori!


No, a farla breve diciamo che sono stata bidonata per altri impegni.


Ok, io però voglio andarci e ci andrò, mi sono detta, al limite da sola.


Ma il giorno dopo il bidone mi arriva un sms da parte di quel genere di persone con cui mi sento poco e che conosci più virtualmente che realmente, anche se abita a Ravenna: "ci vai a sentire i Chietfains poi?" "siiii anche se da sola, ci vai anche tu? io devo ancora comprare i biglietti" "non stare a comprarli, li prendo io e poi ci organizziamo".


Ecco! In un attimo è capovolta la situazione: ci vado in compagnia e addirittura mi anticipa i soldi: e pensare che mi conosce pochissimo!


La serata è a Russi, in un complesso che io ho sempre ammirato dal treno mentre andvo a Bologna ai tempi delluniversità, ma che non ho mai visitato: San Domenico. Si parcheggia lontano, si prende un pulmino e si arriva là. Il palco è allaperto e si sta seduti a terra.


Quando arriviamo i Morrigans Wake, gruppo che fa musica celtica-irlandese da più di 25 anni e che è tutto ravennate, stanno già suonando per la gioia di chi si vuol sbizzarrire a ballare sulla piattaforma organizzata giusto sotto al palco.


Nel frattempo il mio biglietto viene "saggiamente gestito" dalla mia amica: unaltra della compagnia aveva un biglietto in più e cercavano a chi darlo. Risultato, la mia amica vende ad un comune amico il mio biglietto e a me rifila quello dellaltra. Perchè? Perchè ilsecondo biglietto è gratuito. Così mi vedo pure tornare indietro i 15 euro del costo! Wow! Di bene in meglio.


Appena entrate incontro un ex compagno di scuola e, ma guarda te!, insieme  a lui cè la ex di mio fratello (non quello sposato, laltro)... scena buffa dei due che si chiedono perchè entrambi mi conoscono... intanto io penso "ecco... vedi! la prossima volta chiamo lei! ho sempre detto che tra le due dei miei fratelli, anche se ora è ex, con questa mi trovavo meglio!".


Sedute sul prato ci godiamo prima i Morrigans Wake, poi i Chieftains, sempre mitici e sempre in formazione allargata. Loro sarebbero 4, ma uno si è fatto male ad una mano ed è prontamente sostituito e poi... e poi ci sono sempre tanti musicisti che suonano con loro. Compresi un violinista canadese che, insieme al fratello e ad una ragazza eseguono pure fantastiche coreografie di ballo irlandese, quello (di cui non conosco il nome) che è tutto un salto e un battere di piedi per dare il ritmo con le scarpe rinforzate di ghisa... stupendo!


Prima di andare via mi compro il CD dei ragazzi canadesi e quello dei Morrigans Wake: non ho pagato il biglietto, posso permettermi di portarmi a casa un po della gioia della serata.


E mentre scrivo queste righe i Tread (i canadesi) stanno già dandosi da fare nel lettore CD per mantenermi fresca la memoria e alleviarmi il lavoro domenicale che sto per riprendere dopo la pausa del pranzo!


La mia estate musicale non è ancora finita... venerdì ho un appuntamento con i miei 14 anni e vedrò dal vivo uno che per almeno un paio danni mi ha guardato da un poster appeso sopra larmadio della mia cameretta. A Ravenna arrivano i Duran Duran..


3 commenti:

  1. "Però il mio amore per la musica celtica-irlandese è solo mio: non ho amici con cui condividerlo"


    Non è proprio vero: diciamo che forse hai amici troppo distanti che condividono questo interesse, anche se i Jethro Tull non depongono a sostegno di questa mia ipotesi....



    RispondiElimina
  2. i Jethro Tull non sono musica celtica irlandese!


    e comunque la questione è proprio di persone vicine con le quali andare a questi avvenimenti. di amici che amano la musica celtica ne ho anche tanti, ma tutti non a portata di mano...

    RispondiElimina
  3. si ma sono venuta a ravenna ad ascoltarli!

    RispondiElimina