sabato 20 dicembre 2008

Fuoco!


Sono in ufficio sola soletta, con una voglia 0 di lavorare, ma con lobbligo di impegnarmi e trovare un minimo di voglia per finire quanto ho deciso di finire.


Decido di accendermi una candela alla mela candita, di un bel rosso natalizio, ma non rosso lucido, un rosso "vissuto", un po country, ecco.


Adoro le candele e mi fanno molta compagnia.


La candela è nuova nuova: le tolgo letichetta, le riduco lo stoppino, poi con laccendino dò il via alla fiamma.


E sempre emozionante per me accendere una candela nuova: il fuoco sembra felice di avere uno stoppino da mangiare e comincia ad aggredirlo con voglia. Poi si affievolisce perchè lo stoppino brucia in fretta e si consuma... Fino a che il calore del fuoco non arriva a scliogliere la cera, lo stoppino si impregna di cera, la fiamma ha un piccolo momento di "stasi", poi si alza, riprende vigore, si stabilizza e sembra felice! Ha trovato il suo precario equilibrio tra cera, stoppino e aria...


E si diverte a ballare ad ogni movimento dellaria, puntando sempre in alto...


Il tutto in 2 secondi... lo so, dentro il profondo dellanima ho sempre nutrito un istinto da piromane...


(la foto non è mia, non ho la macchina fotografica dietro e così ho cercato nel web qualcosa di adatto, perchè parlare di fiamma di candela senza una fiamma di candela a corredo mi sembrava molto... freddo)


3 commenti:

  1. Se non fosse che ho paura di dare fuoco a casa io accenderei anche quelle dell'albero!!! Se le poste fanno il loro dovere, speriamo, e' in arrivo una microbusta. Stai in campana

    Cetty

    RispondiElimina
  2. il tuo post mi ha così colpita che ho sognato di accendere candele rosse tutta la notte!

    RispondiElimina
  3. anche io adoro le candele....e condivido in pieno ciò che hai scritto...io le accendo spesso mentre studio...mi rilassano un sacco!In realtà adoro il fuoco in generale..piromane anch'Io??:-))

    RispondiElimina