mercoledì 17 maggio 2006

La mia banda suona il rock
e tutto il resto alloccorrenza
sappiamo bene che da noi fare tutto è unesigenza
è un rock bambino soltanto un po latino
una musica che è speranza,
una musica che è pazienza
è come un treno che è passato
con un carico di frutta
eravamo alla stazione si ma dormivamo tutti
e la mia banda suona il rock
per chi lha visto e per chi non cera
e per chi quel giorno li
inseguiva una sua chimera.

Non svegliatevi oh,
non ancora
e non fermateci no, no
per favore no.

La mia banda suona il rock
e cambia faccia alloccorrenza
da quando il trasformismo è diventato unesigenza
ci vedrete in crinoline, come brutte ballerine
ci vedrete danzare come giovani zanzare
ci vedrete alla frontiera con la macchina bloccata
ma lui ce lavrà fatta, la musica è passata
è un rock bambino soltanto un po latino
viaggia senza passaporto e noi dietro col fiato corto
lui ti penetra nei muri ti fa breccia nella porta
ma in fondo viene a dirti che la tua anima non è morta

Non svegliatevi oh,
non ancora
e non fermateci no
per favore no.

La mia banda suona il rock
ed è uneterna partenza
viaggia bene ad onde medie
e a modulazione di frequenza
è un rock bambino
soltanto un po latino
una musica che è speranza una musica che è pazienza
è come un treno che è passato con un carico di frutti
eravamo alla stazione si ma dormivamo tutti
e la mia banda suona il rock
per chi lha visto e per chi non cera
e per chi quel giorno li inseguiva una sua chimera.

Non svegliatevi oh,
non ancora
e non fermateci no
per favore no.


Perchè Ivano Fossati? Boh... è che oggi ho passato la mattinata con gli auricolari nelle orecchie per isolarmi dal caos dellufficio e concentrarmi in una traduzione dallinglese... classico imprevisto che mi capita come deviazione dalle mie normali mansioni (cosa fai in ufficio? qualè il tuo ruolo?... tutto quello che fanno le altre e anche quello che non fanno... i pregi di essere la figlia di uno dei capi  ... e lunica che conosce linglese!)... quindi ho passato una mattinata con la MIA musica e non quella della radio...


E poi stasera rientrando tardino come sempre in questo periodo... mi sono beccata lultima canzone di Fossati che... beh, è proprio uguale come ritmo, sequenza delle parole e chissà che altro a La mia banda suona il Rock... e così, per completare la giornata ho cercato il testo di una delle canzoni classiche dei viaggi in pullmann da adolescente, una di quelle che sapevi a memoria... e ora forse non te la ricordi più completamente... ma basta che ci pensi due secondi e... per tutta la sera ti canta in testa!


Eh, si! unaltro post musicale...


7 commenti:

  1. Ciao bellissima.. bè, durante le mie gite scolastiche le colonne sonore erano altre.. eravamo ancora a venditti e Baglioni.. ;-) più altre varie.. il mio diploma è targato 1987... fai te! Cmq questa è una di quelle canzoni che entrano nelle orecchie.. e non ne escono più... io purtroppo al lavoro non posso ascoltare musica.. dolce notte!

    Mauro

    RispondiElimina
  2. caro mio... il mio diploma porta l'anno 1989... che credi????

    e La mia banda suona il rock è più vecchiotta... ;) mooolto più vecchia... se non sbaglio è del 1979... e io all'epoca... avevo 9 annucci... una pupattolina :D

    RispondiElimina
  3. io ho fatto prima: ho saltato le gite scolastiche. Vista la scarsa stima che avevano di me i miei compagni di classe e che gli tornavo buona solo per far numero, quando potevo essere di disturbo allora lo facevo! Mi ha salvato molto la breve ma intensa esperienza negli scout: sia musicalmente, che socialmente!

    RispondiElimina
  4. Beh, le gite in pullmann da adolescente a cui mi riferisco io non sono quelle della scuola, anche perchè ne ho fatte 2 in pullmann e 1 da dimenticare in treno, poi come te Laura, ho disertato le rimanenti...

    Io ricordo i campi scuola estivi e quelli scout, quelle si che erano gite in pullmann! con chitarre e gole sgolate... e autisti disperati... santi uomini!

    RispondiElimina
  5. Io purtroppo non ho mai avuto modo di fare lo scout.. ad orbetello non esistevano gruppi scout.. le uniche (e poche) gite a cui ho partecipato erano quelle scolastiche.. la più divertente è stata quella a parigi in quarta superiore.. solo che casino poco.. eravamo 4 classi.. totale di circa 50 persone... di cui solo 3 maschietti... 4 con l'autista.. fate voi...

    Mauro

    RispondiElimina
  6. tante grazie :p ora ce l'ho in testa pure io! grrrrrrrrrrrrr

    Infy

    RispondiElimina
  7. ciao meg... se puoi passa da me, sto facendo una specie di sondaggio ugli uomini...

    RispondiElimina