lunedì 22 maggio 2006

Serata tranquilla, sono abbastanza stanca e non ho nessuna voglia di spremere meningi, sentimenti o qualunque altra parte del corpo che richieda impegno serio...


le dita sanno dattilografare senza fatica, il cervello ogni tanto deve impegnarsi a tenere loro testa, ma fino a lì riesce ad arrivarci, poi... grazie a santo pc, è sempre possibile tornare su e indietro con le freccette... quindi si può correggere... e se rimane un errore... beh, impegnatevi meglio a leggere correttamente!


e visto che sono così in "relax disimpegnato" ho deciso di fare un post biecamente pubblicitario! se non volete leggere... fermatevi qui e ciao, alla prossima.


se volete andare avanti vi racconterò un po delle mie attività in internet.


Conoscete i gruppi di Yahoo! ??? Sono unottima occasione per creare momenti di incontro-scambio-discussione-chiacchiere... quel che vi pare. Io li frequento da ormai 5 anni, quando ancora si chiamavano "Club", ma già allora il funzionamento era quello di oggi: si comunica a mezzo email... li trovo più comodi dei forum.


Sono fondatrice di 4 di questi gruppi:


LArca di Noè: gruppo per gli amanti degli animali. Tante chiacchiere in libertà, senza parlare mai di argomenti "pro o contro qualcosa" (per intenderci, non è il luogo per cause animaliste), questo per una scelta dellintero gruppo... ci troviamo insieme per elogiare i nostri amici animali, per parlare delle loro stramberie e per ridere di noi "umani" alle prese con questi strani esseri che il più delle volte ci condizionano lesistenza.


I Topi di Biblioteca: una biblioteca virtuale abitata da veri e propri divoratori di libri... per parlare insieme delle nostre letture, confrontare le opinioni, chiedere suggerimenti e così via... e ogni tanto organizziamo pure qualche attività extra, come composizioni di racconti a più mani e robette varie...


Il Verdecammino: è un posto molto tranquillo dove siamo sempre in vacanza. Lidea è di raccontare le nostre vacanze, vere o immaginarie, o progetti di vacanza... semplici viaggi di un giorno o vere e proprie avventure... quel che vogliamo, insomma... ma possiamo parlare di qualunque cosa... perchè in verità "siamo in vacanza" qui dentro... e in vacanza si parla di tutto (tranne di cose spiacevoli).


Puntocroce: indovinate di che parliamo??? Astrofisica, esatto! beh, ovviamente di punto croce. Sono diventata fondatrice per meriti acquisiti, non per aver fondato propriamente il gruppo. E un bel gruppetto di malate delle crocette... quelle persone (al momento solo donne) che appena possono mollano i lavori di casa, i figli, i gatti, i fidanzati,... prendono ago e filo, una tela e cominciano a contare punti, mezzi punti, colori, sfumature e tutte queste cose astruse qui. Da qualche anno organizziamo pure una vendita di beneficenza con lavori fatti da noi, ovviamente vendiamo attraverso internet. Visto che mi occupo io di coordinare le volontarie, ho creato un blog apposito dove chiunque può vedere cosa stiamo creando... teneteci docchio e ricordatevi della nostra iniziativa verso novembre quando apriremo le vendite... siamo unottima occasione per fare un regalo per Natale e contemporaneamente aiutare una buona causa (questanno sarà la Ricerca sul Cancro).


Ci sono anche altri gruppi che frequento ma non sono "miei", in particolare posso parlarvi della Pentola che Bolle, il posto ideale per venire a parlare e sparlare di cucina, ricette e robe culinarie varie.


La buona educazione impone che per poter entrare in questi gruppi ci si debba presentare: ogni gruppo spiega come con un messaggio di benvenuto al momento delliscrizione... niente di impossibile, giusto un paio di informazioni per far sapere agli altri chi siete.


Beh, ora il cervello reclama tranquillità davvero... così le mani convinceranno i piedi ad andare in cucina dove cè la lavastoviglie da sgombrare e riempire... e altri ammenicoli simili da fare... il bello di arrivare a casa tardi dal lavoro è che ti attardi pure a fare i lavori di casa... Evviva!


Buonanotte


5 commenti:

  1. A parte il punto croce che odio, come tutti i lavori femminili, abbiamo cose in comune: l'amore per gli animali e i gruppi yahoo, anche se la mia esperienza è più ridotta. Visto che ami i gatti (Complimenti anche per Merlino e tutti gli altri mici che ti girano intorno) non è che segui anche IDAG, visto che hai linkato anche il blog della Trudy una mia amica di Newsgroup? Buona serata, vado a studiare il manuale di Splinder.

    RispondiElimina
  2. conosco IDAG, ma non lo seguo... devo dire che sono già in talmente tante salse... che per ora mi bastano :D

    Però la Trudy la conosco, da diversi anni... e proprio grazie al punto croce ;)

    ciao

    RispondiElimina
  3. @ blue triskell


    Odiare è una parola grossa tanto quanto amare: forse hai avuto un pessimo primo incontro con quello che le nonne chiamano "lavori femminili" e che molto più correttamente sarebbero da chiamare "arti creative". Magari hai solo bisogno di incontrare persone entusiaste dei loro hobbies che sappiano trasmetterti un po' della gioia e della felicità che ne ottengono, almeno per cambiare da "odio" a "non è cosa per me". Poi ovviamente non è obbligatorio imparare a far crocette, usare l'uncinetto o lavorare a maglia, ma può bastare per evitare di dire ad una ricamatrice " odio il puntocroce" che è quello che pensi ma che si può dire in modi più simpatici.


    Laura GDS l'altra fondatrice di puntocroce

    RispondiElimina
  4. Alè! hai stuzzicato la seconda (o meglio la prima, sono io la seconda) fondatrice di puntocroce...;)

    Sinceramente io non mi stupisco di sentire dire "odio i lavori femminili".

    In fondo ce li hanno fatti odiare relegandoli a stereotipi di "come non devono essere le donne moderne"... o cose simili. E quasi tutte noi che li amiamo abbiamo dovuto praticamente "riscoprirli". Quando ero piccola e volevano insegnarmi a cucire io scappavo via... preferivo giocare, magari con i miei fratelli... loro non erano mai costretti a "imparare" cose simili... robe da "femmine"... è cosi che li si è imparati ad odiarli... e per amarli, bisogna riscoprirli... poi magari non ti piacciono lo stesso...

    inzomma... se uno mi dice "odio il punto croce" io non mi offendo... opinione personale... libera di odiarlo... io continuerò ad amarlo. Anche perchè quando ricamo sono in pace con il mondo... se sono nervosa, stressata o incazzata... non riesco a ricamare... è un ottimo barometro del mio umore...

    RispondiElimina
  5. Ciao.. ecco, il puntocroce è l'unica cosa che ancora queste due scatenate non sono riuscite a farmi fare ;-D per il resto che dire.. sono iscritto all'Arca, ai Topi, alla Pentola ed al Verdecammino.. e posso dire che sono gruppi favolosi! (un pizzico di sponsorizzazione.. )

    Mauro

    RispondiElimina