giovedì 25 maggio 2006

Ti va di ballare?



Questa sera mi sono fatta due ore al cinema a godermi un po di sana fiaba americana. A parte che è basato su una storia vera (ovviamente sono pronta a scommettere che la storia vera è stata abbondantemente romanzata ai fini di "collimare" con le esigenze di "copione"), che è un godibilissimo film sul come aiutare i ragazzi a crearsi una morale, degli ideali e quantaltro (mi ricorda molto altri films tipo Dangerous Thoughts, la Classe Violenta e tutti i film del genere), e che io avevo proprio bisogno di evadere un pochino dopo 11 ore di lavoro e farmi trascinare dalla bella presenza di Banderas e non solo sua...


A parte tutto questo, dopo due ore di musica che spaziava dal Jazz ballabile dannata al R&B e allHip Hop (sempre ballabili, ovvio) più moderno mi sono trovata finalmente a spezzare un minimo della mia personale inibizione verso il ritmo e piedi e braccia si agitavano nel ristretto spazio della sedia della sala, allunisono con S. che faceva la stessa cosa di fianco a me... aspettando come sempre la fine dellultimo titolo di coda prima di uscire dalla sala. Perchè S. ed io dobbiamo vederci i film fino ad aver letto anche chi ha portato in giro il cane del produttore... tutti i nomi, tutti i titoli delle canzoni, tutti i ringraziamenti... per non far finire la magia del cinema...


Nei confronti della musica, per la quale ho un grande amore e ormai si sarà capito da tutti i post musicali che ho fatto in questi pochi giorni di vita del mio blog, io ho un gran blocco. Non è un blocco veramente nei confronti della musica, ma di me stessa. Dentro di me, fluttuante e nascosta in mezzo a tutte le paranoie, le paure e tutta quella serie di sporche cose che mi sono buttata dentro e addosso per giustificare e aumentare la mia insicurezza, dallinfanzia ad oggi... insomma, là, nel mezzo del lerciume, esiste unanima ballerina. Eppure è talmente nascosta che difficilmente mi capita di muovere passi di danza, difficilmente io riesco a lasciarmi andare per essere davvero alla mercè del ritmo come dentro di me vorrei fare. E un blocco bello pesante e difficile da abbattere... ogni tanto ci riesco, ma dura sempre pochi momenti. E il brutto è che difficilmente succede in mezzo ad altre persone.


Non è che io non sia mai stata in discoteca a ballare... ci sono andata per un decennio, più o meno e lì mi scatenavo, ma non è quel tipo di ballo che intendo io... quello è agitarsi e sfogarsi. Io qui sto pensando al seguire il ritmo, agilmente e morbidamente, facendolo proprio. Non è una questione di "peso"... ci sono ragazze molto più pesanti di me che sanno ballare da invidia. E solo una questione di libertà dai miei personali pregiudizi su me stessa.


Dovrei darmela come medicina: chiudere gli occhi 3 minuti al giorno, e farmi cullare dalla musica... e poi 4 minuti... e poi 5... e poi in mezzo agli altri... e lì oltre che perdita di "sfiducia in me stessa" diventerebbe... acquisizione di "fiducia" negli altri...


A parte i balli da "liceo", una volta sola un uomo mi ha fatta ballare... e fu un insegnante di ballo... mi sono sempre chiesta perchè scelse me... (lo so, è sfiducia in me, ma io me lo sono sempre chiesta... una più impacciata in quellaula non cera...) e fu per mostrare come è il ballo country a due... che difficoltà fidarmi di lui, guardarlo in faccia, non buttare lo sguardo in basso per controllare il disastro che sicuramente i miei piedi stavano facendo... ma anche Che Bello, lasciare  per pochi minuti "il comando" a qualcun altro. Fidarsi di lui e provare... si provare, perchè cmq non ci sono riuscita, a godersela e basta...


Beh, spero di non dover finire alla Cà del Liscio per trovare un altro compagno di danza... ecco... nonostante i balli di sala mi affascino... ho una certa intolleranza e repulsione per le mazurche e i lisci in generale... già un valzer sarebbe meglio... ma la verità è che un eventuale compagno di danza dovrebbe essere armato di santa pazienza (la Santa Pazienza!) per riuscire a farmi uscire dal guscio della goffaggine... esisterà però uno così... o no?


7 commenti:

  1. dai meg al prossimo scampolo d'assenza vediamo di trovare dalle tue parti un posot che fa gighe e quadriglie e andiamo a divertirci!

    RispondiElimina
  2. tesoro, qui di posti del genere non ce ne sono... infatti il nostro bel corso di danza country finì dopo un mese!!! eppure io e MT ci divertivamo come matte, ma solo noi 2 in tutta la città... sigh!

    RispondiElimina
  3. romagna miaaaaaaaaaa

    romagna un fioreeeeeeeeeeeee

    la lallalalalaaaaaaaaaaaaa

    un baciotttooooo

    SInfy

    RispondiElimina
  4. Sì, mi va di ballare ma stasera ballerei volentieri un ballo lento..

    Grazie delle tue parole

    monica:)

    RispondiElimina
  5. Uno dei post più belli che abbhia mai letto. Così intenso e vero che sembra quasi di sentirti parlare!!

    un piacere vivo quello che mi hai regalato stamani!!

    Se ti và di ballare un pò vienimi a trovare alla stazionetermini...la muscica da quelle parti è ...magica

    RispondiElimina
  6. Anche io sono andata a vedere questo film.. ed a parte qualche microfono in bella vista di troppo mi è piaciuto. Anche a me piace ballare.. ho provato per un pochino il ballo di sala dopo essere andata solo in disco. E devo confessare che mi è piaciuto. Difficile ma bello. Il ballo country sarebbe stato uno sballo da provare!! ma qui da noi nemmeno l'ombra..

    RispondiElimina
  7. Dimenticavo.. anche tu sei una di quelle persone che hanno la musica dentro. Che l'ascoltano non solo con le orecchie, ma con anima e cuore.

    RispondiElimina