giovedì 15 giugno 2006

Oggi è lultimo giorno in cui dovevo accompagnare e andare a prendere la mia mamma dalla terapia.


Per nove giorni (lavorativi), invece che andare direttamente al lavoro, ho portato la mia mamma a fare terapia in un centro fisiatrico, poi volavo al lavoro e dopo nemmeno unora rimontavo in auto per riportarla a casa. La terapia era ad un ginocchio, motivo per cui aveva bisogno di scarrozzamento: non riusciva certo ad andare a piedi o in bici.


Da un certo punto di vista, considerato che sono i giorni più convulsi del mio lavoro, questo sballottamento dentro e fuori dallufficio è stato un po complicato e scomodo.


Però mi mancherà fare quei pochi minuti di auto con la mia mamma: proprio in questo periodo, a causa del lavoro,  non riesco più a parlare con lei. Quando arrivo a casa la saluto sempre prima di andare nel mio appartamento, ma sono stanca e il mio unico pensiero è "doccia e cibo!"... non ho certo voglia di fare chiacchiere... poi la trovo sempre impegnata in qualche cosa, quindi nemmeno lei ne ha di voglia.


Così pochi minuti in auto e si può dire quel che non si riesce a dire mai. Piccole cose, banalità... stupidaggini come Santa Esmeralda (vedi post precedente)... cose più serie come i problemi di alcuni zii... solite robe sui felini... insomma le belle chiacchiere che mi piace fare con mia madre e che dopotutto sono state molto utili in questi 9 giorni a stemperare il clima già bollente che trovavo in ufficio alle 8... e mi hanno permesso di staccare quanto basta per tornare dentro di nuovo nella bolgia con uno spirito più distaccato e meno aggredibile dalle ansie e nevrosi altrui...


A parte che spero che il ginocchio della mia mamma guarisca davvero e non abbia più bisogno di cure (speriamo speriamo speriamo, perchè la prossima soluzione potrebbe essere una protesi)... sono proprio felice di aver potuto passare così questi giorni!


E adesso di nuovo il naso dentro alle dichiarazioni che è tardissimo!!


2 commenti:

  1. Benvenuta nella mia stanza. Se hai letto il post sai che nella mia stanza c'è sempre posto e allora unisciti alla festa in compagnia di persone straordinarie

    Ciao

    Dora

    RispondiElimina
  2. metterei la firma per avere una mamma da accompagnare da qualche parte! in questo senso hai una fortuna incredibile, anche se non so esattamente come sia parlare con la propria madre ;)

    RispondiElimina