giovedì 16 agosto 2007

Lavorare a Ferragosto


Beh, non proprio ferragosto il giorno stesso, ma la settimana di Ferragosto...


Questanno per la prima volta mi si prospettava la possibilità di non farlo: i nostri titolari hanno proposto di fare 2 giorni di chiusura (il 16 e il 17) se si riusciva a gestire tutte le scadenze per tempo...


Ma dovendo fare il lavoro anche di chi è in infortunio da un mese e mezzo... figurarsi se io riuscivo a fare tutto in tempo! Ma tantè, ho sempre lavorato questa settimana, quindi non è un dramma.


Anzi! Adoro lavorare quando nessuno è tra i piedi!! Venire qui questa mattina è stata una passeggiata! In città non muove una mosca (le zanzare del giardino di mia madre si, bastarde! ma è unaltra storia), le strade sono libere, vuote vuote... a parte due carampane (è italiano? non lo so, davvero... comunque, in altro termine sicuramente ravennate, "due vecchie indarlite") che si sono messe a fare una sorta di balletto per attraversare ad un semaforo pedonale che era già rosso per loro prima che iniziassero il balletto...


Totale per arrivare qui, si e no 4 minuti. In ufficio siamo in 2, il telefono non squillerà, il campanello non suonerà... si lavorerà in tranquillità... e qui è una roba davvero rara la tranquillità in ufficio!!!


4 commenti:

  1. La carampana esiste, in italiano, ma indarlite è decisamente ravennate...

    RispondiElimina
  2. Quoto, indarlite non lo avevo mai sentito!

    RispondiElimina
  3. eh, Trudy... tu sei nuova al ravennate!

    Laura lo conosce un po' di più: già sa il significato di spataccare, paciarro, faflero e tante altre carinerie simili...

    ma indarlita era la prima volta anche per lei :)))

    RispondiElimina
  4. Adesso però sono curiosa!! voglio sapere il significato di tutti questi termini!!!!!! daiiiiiiiii..... :-)))

    RispondiElimina