venerdì 17 agosto 2007

Scherzi della memoria


Ore 14.50, sono in auto e rientro in ufficio dopo un pasto lampo (che mi sta un po bruciando lo stomaco) e una corsa in banca a versare i soldi delle tasse dei clienti. Fa un caldo assassino e laria condizionata dellauto non riesce ancora a rinfrescare labitacolo.


Un po il caldo, un po lo stomaco che brucia... il pensiero corre ad una bella coppa di gelato di quelli non da supermercato, ma artigianale fatto come si deve.


Il cervello subito pensa "dai, dopo il semaforo cè una gelateria con i fiocchi! sono secoli che non ci vado!!"


Eccheccavoli che sono secoli che non ci vado! Non esiste più da secoli e al suo posto, da altrettanti secoli, cè una banca... che conosco pure bene perchè ci vado per lavoro almeno una volta al mese...


Ma la memoria gustativa delle paste e dei gelati è più forte... dura anche più di 8 anni a quanto pare...


2 commenti:

  1. E' sempre così!!! A me capita sempre quando vado da mia nonna di andare in piazza con la voglia di prendermi una pastina per poi rendermi conto che la famosa pastuicceria l'han rasa al suolo quando avevo 8 anni!!

    RispondiElimina
  2. io sono ancora qui che piango la chiusura del panettiere che mi ha tirata grande e che molto spesso sogno venir riaperta....

    RispondiElimina