mercoledì 12 luglio 2006

Della serie "cose che non reggo"


Ci sono situazioni in cui non puoi permetterti di dire apertamente quello che pensi: per convenzioni sociali o, meglio ancora perchè il luogo e la situazione non te lo permettono.


Tendenzialmente io non sono molto per le convenzioni sociali, pur non potendomi considerare una che va contro a tutti i costi. Semplicemente vorrei tanto e cerco il più possibile di essere me stessa. E questo a discapito a volte di quel che "ci si aspetterebbe da me".


Però non sempre puoi fare così. Ad esempio, è decisamente sconveniente dire ad un cliente quel che magari si pensa di lui veramente, diciamo che è sconveniente se quel che si pensa è decisamente negativo. Insomma, è normale non potersi permette di esternare tutto quel che si pensa. Niente da ridire su questo dato di fatto di partenza.


Ci sono volte però che si sente tanto il bisogno di dire fuori dai denti tutto quel che dentro cova... per liberarsene un pochino. E così eccomi qui ad usare il mio blog, costretta lo stesso a rimanere sui generis, per dire un pochino di quel che in questi giorni vedo attorno a me che non mi piace.


Non reggo la falsità nella gente! Più chiaramente non reggo chi, ad ogni persona si trovi davanti serva una diversa versione di un fatto qualunque, stravolgendo per chissà quali motivi la verità e creando così situazioni anche spiacevoli tra le persone che sono attorno a questa "che diffonde notizie". Forse il motivo dietro a questo modo di agire è il bisogno disperato di "essere accettato da chiunque", l"essere amico di tutti"... A parte che io non credo che ciò sia possibile: ritengo utopico essere amici di tutti. Si può essere amici di persone per affinità, perchè esperienze particolari ti hanno avvicinato, per caso, per tante ragioni... ma è impossibile essere amici di tutti. Si può essere in buoni rapporti con tante persone, ma inevitabilmente cè sempre quella persona con cui non riesci ad andare daccordo. E naturale... basta saperlo e agire in modo che si possa vivere pacificamente, soprattutto quando si è costretti per svariati motivi ad avere a che fare luno con laltro.


Chi crede di poter essere amico di tutti per primo mente a se stesso.


Altra cosa che non sopporto sono le persone impiccione. Il dover vivere a stretto contatto tra persone di vario tipo ti porta a parlare del più e del meno e qualche volta finisci anche per dire cose tue personali. Magari rimani in termini superficiali, ma apri spiragli su cose che di solito non racconti. Io non reggo chi, partendo con un fare da amicone, comincia a fare domande che vanno troppo sul personale e peggio ancora comincia con il riempirti di pillole di saggezza perchè dallalto della sua esperienza, la tua vicenda pare così banale e facilmente risolvibile...


Prima di tutto le domande troppo personali. Mi è successo più di una volta di zittire qualcuno rispondendo "sono cazzi miei"... ho letto disappunto e sconcerto nei volti di chi si è visto rifilare una bella risposta secca da me, che di solito sono più "tranquilla" e magari meno sboccata. Chi arriva a capire il significato dellaffermazione la prende sul ridere e semplicemente impara che quello è un argomento di cui non ho voglia di parlare. Ci sono persone invece che o si offendono come se tu avessi dato loro un pugno in faccia e contemporaneamente le avessi offese a morte, quando magari loffesa potrei essere io perchè loro si sono permesse di farsi i fatti miei, oppure si scandalizzano, perchè a loro tutto è dovuto e "come ti permetti te di sbattere in faccia a tali persone delle porte?".


Ho imparato a fregarmene e vivo molto bene con i miei paletti alzati davanti a chi non intendo rendere partecipe dei fatti miei e reggo le reazioni di questi alla grande.


Una cosa che invece faccio davvero fatica a sopportare sono i consigli da "persona navigata" che ogni tanto arrivano. Tu, guarda caso, sei sempre inesperta, anche se magari hai un paio di anni in più (non che letà faccia la differenza, ma quando si è in polemica tutto fa la differenza... poche storie), cè sempre la persona che arriva e con un fare materno ti sciorina la pillola di saggezza che ti risolverà completamente la vita.


Non voglio dire che i consigli io non li apprezzi... ma un conto è suggerire soluzioni, dare opinioni, un conto è arrivare vicino ad una persona con fare caritatevole e evidentemente costruito e rivolgersi a questa povera pecorella smarrita come se stessi parlando ad un bambino di 3 anni per spiegare come funziona la vita e come si deve fare questo e quello.


A queste persone qui non ho imparato a rivolgermi con cortesia... mi spiace, ma quando qualcuno mi arriva vicino in questo modo io divento un istrice... mi chiudo e lancio spine a tutto busso.


Il problema vero e proprio è quando ti trovi a che fare con chi questi modi di agire li usa tutti e tu non puoi direttamente mandarlo a farsi un bel giro lontano da te in luogo appropriato. Eppure hai fatto capire in tanti modi che ci sono atteggiamenti che non reggi... e magari non solo tu lhai fatto capire... ma non cè peggior sordo di chi non vuol sentire... ... ...


E visto che sono in vena di "odio questo e quello"...


ODIO STE STUPIDE ZANZARE CHE MI HANNO PRESO PER UN FAST FOOD APERTO 24 ORE SU 24!!!!! a che servono le zanzare??? qualcuno può spiegarmelo???? insomma, sarebbe piacevole capire che stai donando sangue e soffrendo pruriti scomodissimi per una valida ragione...


7 commenti:

  1. meg ma non lo sai che se le zanzare non ci fossero la terra sarebbe stata distrutta?


    :DDDD

    RispondiElimina
  2. Meg, so che sei contraria al ventilatore, lo sei per caso anche riguardo ai dispositivi antizanze?

    Mamigà

    RispondiElimina
  3. @ lauragds... voglio spiegazioni scientifiche provate! non faccio la martire per una cosa non provata e certa ;)


    @ mamiga non sono assolutamente contraria al ventilatore... senza non vivrei! sono contraria al condizionatore, a quello si. per i dispositivi anti zanzare... facessero effetto alle zanzare ravennati li userei... l'unico che fa effetto è lo zampirone, ma poi io mi becco un attacco d'asma ogni volta che lo accendo... gli Autan da spruzzarsi addosso sembrano acqua e zucchero spesso e volentieri... insomma stanno diventando impossibili ste zanzare tigre!!!

    RispondiElimina
  4. Per la documentazione scientifica rimando a Lilo e Stitch, per le zanzare sto seriamente rivalutando l'idea di venirti a trovare... :PPP

    RispondiElimina
  5. sottoscrivo tutto

    (diffidare in particolare di chi si presenta con aria protettiva e senza difetti)

    tranne che il problema delle zanzare, dovendo climatizzare la casa per sopravvivere nell'afosa pianura padana, le zanzare odiano i condizionatori


    Lilo e Stitch ... :o)

    RispondiElimina
  6. Trovo una stupidissima schiavitù essere "ciò che ci si aspetterebbe da te" se non coincide con "ciò che TU ti aspetti da te".

    Quindi, visto che siamo in tema di stupidi consigli da parte di sapientoni, ti consiglio stupidamente di continuare ad essere te stessa

    ...ed anche un po' di più

    RispondiElimina
  7. @ fully io sono me stessa tutte le volte che posso, anche sul lavoro.

    ci sono momenti in cui però (e ricordo benissimo un tuo post sulla verità) non puoi dire fuori dai denti quel che pensi e quindi non puoi essere te stessa...

    RispondiElimina