domenica 24 giugno 2007

Cocciutaggini e insondabili ragionamenti felini...


Come già detto da Horatio nel post di ieri, questo week-end i miei sono al mare. Quindi a me tocca la gestione dei felini di tutti i piani.


Quando si fanno le 9 di sera vado giù a casa dei miei a chiudere lo scurone della portafinestra che dà sul cortile. In quelloccasione spero di recuperare il maggior numero di felini, così da non dover fare altri giri più avanti nella serata.


Avete in mente Master Mind? il gioco dove devi indovinare la giusta combinazione di colori e gli aiuti sono "colore giusto al posto giusto - colore giusto al posto sbagliato"?


Ecco, ieri sera sulle 9 ho recuperato 2 gatti solamente: uno giusto e uno sbagliato... Ho avuto il mio bel daffare a spiegare al gatto sbagliato-Morgan che era meglio se veniva su da me a mangiare per non rimanere chiuso tutta la notte, ma ce lho fatta.


Andiamo di sopra (Morgan ed io) e in casa mi ritrovo con 3 gatti: 2 giusti e uno sbagliato. Il terzo gatto giusto è rimasto per le scale.


Così, visto che per una volta Merlino è per le scale, decido di aprire scatoletta ad appannaggio dei felini presenti e in barba al felino assente.


Il gatto sbagliato-Rommell a sentire qualcuno pensare la parola scatoletta decide di essere della combricola pure lui e scivola fuori dal suo nascondiglio segreto (forse il letto degli ospiti) e appare in cucina.


Le porte di casa mia si sa non sono un granchè, ma comincio anche a pensare che Merlino abbia il cervello prevalentemente sintonizzato sul rumore dellapertura della scatoletta, ovunque lui sia. Nellistante in cui apro la scatoletta (sia chiaro, è una di quelle che a lui non piacciono, ma sembra che facciano tutte lo stesso rumore), parte un muggito alla porta di casa di quelli insopportabili... per fortuna ci sono solo io!


Faccio 3 piattini e si avventano... i muggiti continuano... io però aspetto che il gatto Jolly-Morgan decida di aver finito la cena e di volersene uscire di casa, così apro la porta una volta sola. Entra Merlino - esce Morgan. Rommell decide che con Merlino presente lui non mangia! E dopo 10 minuti vuol uscire di casa...


Verso le 11 di sera scendo per vedere di radunare i 2 felini mancanti allappello del piano terra... Recupero Rommell, il quale però decide di attaccare briga con chiunque, Birba compresa (è la più non belligerante nelle questioni feline di casa) e quindi si rifiuta di entrare in casa sua... I rumori intimidiscono Leila e così ho il mio bel daffare a "dai, su, Leiluccia... vieni qui..." e via dicendo. Ma alla fine ce la faccio e Leila entra in casa.


Risultato al momento di andare a nanna: due gatti giusti al posto giusto a casa mia, due gatti giusti al posto giusto al piano terra... un gatto come sempre fuori casa (Morgan) e un gatto dissidente per le scale-giardino (Rommell).


Sulle 4 di notte bisogni fisiologici mi spingono da alzarmi e accendere la luce. Laccensione della luce accende anche un rauco miagolio da disperazione felina giusto fuori dalla porta di casa mia. Finito quel che dovevo fare, apro la porta... Merlino vuole uscire, Rommell entrare... ma Merlino ha deciso che rimarrà in casa se Rommell entra... deve dirgli due cosette cattive su come è stato trattato male per le scale qualche ora prima...


Improvvisamente Merlino assume dimensioni da paura (già è enorme, se poi alza il pelo...) e comincia ad avventarsi verso il mini Rommell (mini per la tosatura, ma lui è stronzo comunque quanto gli pare al momento). Lo afferro per la collottola per bloccarlo. Ovviamente non ci provo nemmeno ad alzarlo: vuoi per li peso, vuoi perchè non voglio diventare io loggetto su cui sfogare i suoi artigli. Mi limito a tenerlo fermo e poi a farlo arretrare quanto basta perchè il mugghiante Rommell si possa far strada per le scale.


Poi scendo le scale facendo la parte dello "spartiacque felino". Insomma io sono la free fly zone: la zona non belligerante di turno... se io scendo tra i due gatti incazzati, i due gatti avanzano mantenendo equamente la distanza da me... e grazie a questo riesco a portare il dissidente incazzereccio Rommell fino in casa.


Merlino decide di rimanere di sotto, visto che oramai è arrivato fino a lì. E Birba invece, da buona non violenta, decide di tornare su con me ("ero scesa solo per assicurarmi che tu stessi bene").


Conclusioni... il caldo dà alla testa pure ai felini... e io sto molto meglio quando devo occuparmi di solo 3 felini: 2 giusti e uno jolly!!!


4 commenti:

  1. In effetti si sempra il gioco Mastermind. Ho molta simpatia per il gatto jolly.

    RispondiElimina
  2. @ Krishel non so perchè ma tutti hanno simpatia per il gatto Jolly.

    E' il più bastardo menefreghista insensibile irriconoscente gatto che sia mai transitato per questa palazzina... eppure tutti lo adorano... abitanti della palazzina compresi!

    RispondiElimina
  3. Ti va bene che tra casa tua e la casa dei tuoi c'è una rampa di scale. Perchè se fossero cento metri come da qui a casa di mia madre...

    RispondiElimina
  4. io e Lenticchia abbiamo gradito questo post: soprattutto lenticchia che non gli interessava poi tanto il post quanto i grattini sulla pancia

    RispondiElimina